Home Tecnologia Interni Finiture Bioecologia Realizzazioni contatti
   

 

               Casa Bioecologica cosa significa:

 

 il Neologismo viene da Casa Biologica, cioè costruita con elementi naturali, come il Legno, e non solamente con il massimo utilizzo di materie prime naturali, quali legno, fibre legnose isolanti, fibre minerali, pietre naturali, parquet, etc. etc.  ma selezionando tra questi materiali solo materiali prodotti con materie prime rinnovabili, i nostri alberi sono provenienti da rimboschimenti selettivi programmati e rinnovabili al 100% così come previsto dal protocollo di Kyoto;

e da Casa Ecologica, cioè a basso impatto ambientale infatti è l'immobile che consente di risparmiare idrocarburi ed energia in maniera consistente rispetto a quanto necessari alle abitazioni tradizionali per equilibrare le escursioni termiche con l'esterno.

Un importante vantaggio è la rapidità di costruzione di una casa Elledi in solo 5-6 Settimane si può avere una casa vera e propria montata ed abitabile e sopratutto molto resistente agli eventi sismici..

Per questo le case in legno, isolante termico naturale, consentono di rispettare al massimo L'AMBIENTE che ci circonda.

Come è possibile impostare uno stile di vita a basso impatto ambientale anche nella propria abitazione?

Le nuove abitazioni della Elledi hanno ottenuto il massimo valore di isolamento termico possibile (A +), sono tutte inoltre predisposte per la realizzazione di impianti fotovoltaici sul tetto conformi al decreto del 23 febbraio 2007 che utilizzano il nuovo conto energia, che garantisce per 20 anni la restituzione di 0,445 euro per ogni kWh prodotto che il gestore elettrico riconosce all'utente, ciò permette di abbattere il costo energetico delle case Elledi praticamente a zero.

Un ulteriore vantaggio che porta un altro 30% di tariffa incentivante si ha installando un impianto termico ad alto rendimento energetico come una pompa di calore ad acqua per il riscaldamento invernale e il condizionamento estivo dell'edificio la predisposizione di questi impianti è presente e altamente consigliata in tutte le nostre abitazioni.

La Elledi si avvale dei migliori impiantisti esistenti sul mercato per fornirvi una casa Bioecologica che vi faccia risparmiare, vivere meglio e che contribuisca a rispettare l'ambiente in cui viviamo.     

Perché la casa in legno di Elledi è tra i materiali edili da preferire in zona sismica?
- il legno è molto più leggero degli altri materiali da costruzione; le forze agenti su una costruzione in caso di sisma e di movimenti tellurici sono proporzionali alla massa della costruzione stessa. La massa del legno è circa ¼ di quella del calcestruzzo: questo significa che le costruzioni in legno sono sottoposte ad un impeto distruttivo del terremoto decisamente più ridotto.
- le case in legno della Elledi presentano un comportamento meccanico particolarmente favorevole, se confrontato con la loro massa. A parità di massa, la resistenza meccanica del legno è fra le migliori in assoluto. Questo significa che le case in legno Elledi sono in grado di assorbire senza danni anche forze e sollecitazioni importanti.
- per le sue caratteristiche meccaniche, il legno è naturalmente elastico e quindi sopporta facilmente una lieve deformazione: questo si manifesta in modo positivo in particolar modo durante l'azione del sisma, in quanto la minor rigidezza (cioè la maggiore deformabilità) della costruzione permette di meglio assorbire l'onda sismica.
- La casa in Legno Elledi non è mai un corpo monolitico, ma è formato da diversi elementi (di regola parete e solaio) uniti tra loro attraverso connessioni meccaniche (detti anche giunti o collegamenti). Queste, ben progettate e realizzate, fungono da ulteriore elemento a favore della deformabilità della costruzione e contribuiscono a dissipare l’energia sprigionata dal sisma, evitando così il crollo della struttura.

Di fatto, la sicurezza sismica di un edificio in legno dipende anche dalle connessioni e dalla loro corretta progettazione per questo gli ingegneri della Elledi tengono debito conto.
- Le case in legno Elledi sono progettate privilegiando l’utilizzo di elementi piani, come le pareti e le solette di pannelli X-Lam (legno massiccio a strati incrociati) o il telaio di legno ricoperto di pannelli Betonwood in caso di struttura intelaiata. Le costruzioni a elementi piani sono più resistenti in caso di sisma rispetto alle costruzioni eseguite con elementi lineari (per esempio le strutture a pilastri) perché la rigidezza e la resistenza della struttura sono distribuite su tutta la costruzione e non sono concentrate in pochi punti.
- queste affermazioni sono ampiamente provate da diversi studi, in particolare dal progetto Sofie (vedi capitolo apposito) del CNR-IVALSA. Un edificio in legno di 7 piani e 24 metri di altezza, realizzato con i pannelli X-Lam, è uscito indenne da un test antisismico decisamente rude: la simulazione su pedana vibrante del terremoto di Kobe (magnitudo 7,2 della scala Richter) che nel 1995 in Giappone provocò la morte di oltre seimila persone.
- L’X-Lam il più tecnologico tra i cosiddetti “legni ingegnerizzati” (che comprendono anche il legno lamellare) risulta essere un materiale particolarmente adatto in caso di sisma. E’ resistente e rigido poiché grazie alla sua composizione a più strati incrociati, cioè ruotati ad angolo retto uno rispetto all’altro, è in grado di assorbire e di trasmettere alle fondamenta sollecitazioni e forze provenienti da ogni direzione.
- che il legno fosse un materiale particolarmente adatto alle costruzioni in zona sismica lo sapevano anche gli antichi: i Giapponesi hanno realizzato numerosi templi in legno che sono ancora al loro posto dopo molti secoli di vita (e molti sismi). Un esempio è il tempio Horuiy, realizzato nell’ottavo secolo, che ha superato indenne anche il terremoto di Kobe del 1995 (magnitudo 7,2 della scala Richter).
- in caso di terremoto (o altri eventi distruttivi come l’incendio), l’edificio in legno è uno dei più adatti ad essere riparato. Sostituendo le parti e le connessioni danneggiate è in alcuni casi possibile recuperare la sua portanza e renderlo nuovamente abitabile, consentendo ai proprietari di recuperare parte del patrimonio distrutto dall’evento naturale.

Richiedete le case Elledi antisismiche in legno con struttura in X-Lam, pannelli di legno massiccio a strati incrociati
L’ X-Lam (pannelli di legno massiccio a strati incrociati), conosciuto anche come “pannello multistrato di legno massiccio”, “Cross Laminated Timber”, “pannello compensato di tavole” etc, è stato utilizzato per la prima volta nella seconda metà degli anni ’90 e la prima omologazione austriaca risale al 1998.

Il pannello X-Lam nasce dall’incollaggio di diversi strati di tavole di legno incrociati, cioè ortogonali l’uno rispetto all’altro. Ne deriva un materiale con l’efficacia strutturale della lastra e della piastra, che può essere sollecitato staticamente in diverse direzioni. Ciò significa che è possibile pensare per superfici e contare su un alto grado di prefabbricazione: basti pensare che anche le aperture per porte e finestre possono essere realizzate in laboratorio. I pannelli X-Lam possono essere utilizzati come parete, soletta, tetto oppure come piastra per l’impalcato di ponti e simili. Il loro vantaggio essenziale è la stabilità dimensionale e le loro doti di rigidezza li rendono particolarmente adatti nell’edilizia antisismica e per la realizzazione di ogni tipo di edificio, anche multipiano.

Questo nuovo materiale strutturale si sta diffondendo rapidamente, tanto che la capacità produttiva in Europa raggiunge il mezzo milione di metri cubi l’anno. Tra i maggiori produttori ci sono la Germania e l’Austria.

Il sistema a telaio (o struttura intelaiata) standard per la produzione Elledi è ampiamente diffuso in tutto il Nord America e in Canada, il sistema a telaio prevede l’utilizzo di una struttura di elementi piani in legno (telaio), unita tramite chiodatura ad una pannellatura strutturale formata da pannelli in cemento legno Betonwood. In questo modo si crea un elemento piano da utilizzare come parete o solaio, da completare poi con strati di materiale coibentante e con le finiture scelte (ad esempio l’intonaco nel caso delle pareti o i pavimenti nel caso del solaio). Questo tipo di costruzione è definito, nelle normative internazionali, come particolarmente favorevole in caso di azioni sismiche.

Con il sistema a telaio è stato recentemente costruito a Lugano un edificio di 6 piani, la Casa Montarina, che risponde alle esigenze attuali e più moderne in ambito di sicurezza in caso di sisma. Si tratta di un edificio abitativo in zona urbana, con un'altezza complessiva di 6 piani, la cui struttura è stata realizzata interamente in legno. Tutti gli elementi strutturali, compresa la struttura della tromba delle scale e gli irrigidimenti orizzontali - elementi essenziali della struttura di edifici di questo genere, ma anche e particolarmente fondamentali in caso di azione sismica - sono realizzati con pannelli di legno e elementi di legno lamellare.

Il progetto SOFIE

Nel 2007 i pannelli X-Lam sono stati i protagonisti di un progetto di ricerca messo a punto dal CNR IVALSA di San Michele all’Adige (TN): il test antisismico SOFIE (progetto Sistema Costruttivo Fiemme).

Una casa in legno di 7 piani e 24 metri di altezza, interamente realizzata con questi pannelli, ha resistito con successo al test antisismico considerato fra i più distruttivi per le opere civili: la simulazione del terremoto di Kobe (magnitudo 7,2 della scala Richter), che nel 1995 provocò la morte di oltre seimila persone.

Il test, effettuato in Giappone presso il NIED (Istituto Nazionale di Ricerca sulla Prevenzione dei Disastri) è il risultato di studi e ricerche durati 5 anni, che hanno individuato nella combinazione dei pannelli X-Lam con specifiche connessioni meccaniche, una tecnica costruttiva ideale per garantire la sicurezza sismica.

Per la realizzazione di questo edificio sono stati necessari 250 m3 di abete rosso provenienti dalle foreste certificate PEFC (Certificazione internazionale della gestione forestale sostenibile) del Trentino, che sono stati inviati in Germania per la realizzazione dei pannelli X-Lam e successivamente in Giappone per l’assemblaggio dell’edificio su quella che è, a tutti gli effetti, la tavola vibrante più grande del mondo (misura metri 15x20).

La ricerca condotta dall’IVALSA ha dimostrato in modo definitivo l’affidabilità e la sicurezza del legno come materiale per l’edilizia, oltre al valore aggiunto che assicura in termini di comfort abitativo, risparmio energetico e rispetto dell’ambente.

     

 
Home
Case bioecologiche
Realizzazioni
Bioecologia

Tecnologia

 

Interni

Galleria
Finiture
Contatti

 

 

 

       

       

         

         

         

             

         

              

            

            

         

         

         

         

 

         

   
 
 
Casa bioecologica ELLEDI